Come realizzare un sito multilingue

4 plug-in per tradurre il tuo sito

Sei titolare di una piccola attività e hai appena costruito un sito internet su WordPress per migliorare la tua visibilità e raggiungere ulteriori clienti oltre a quelli già acquisiti. Chi ti ha progettato il sito, ha curato l’ottimizzazione delle parole chiave del tuo settore, studiato i competitors e adottato una strategia per fare branding, aumentare il traffico sulla tua pagina e convertirlo in acquisti. E’ ora di fare un passetto in più, essendo la tua attività diretta non solo ad un target nazionale ma anche a quello estero, dotandoti di un sito multilingue. Per avere un sito WordPress multilingue, sono disponibili diversi plug-in specifici che ti consentiranno di gestire da un unico sito WordPress tutte le versioni tradotte.

La scelta di un plug in piuttosto di un altro è una decisione che necessita di alcune considerazioni preventive al fine di non commettere errori, come la compatibilità del tuo tema WordPress. Vuoi sapere quali sono i plug-in più indicati in termini di affidabilità e qualità? Te lo spieghiamo con l’articolo qui di seguito. Buona lettura!

1. WordPress Multi Lingua WPML

La prima soluzione che ti proponiamo è il plug-in di WPML, il più conosciuto ed usato per siti e blog realizzati in WordPress. Si tratta di un plug-in a pagamento con oltre 40 lingue disponibili oltre a poterne aggiungere di altre. Prima di installare questo plug-in verifica la compatibilità del tema WordPress. Una volta verificata la compatibilità del tuo tema WordPress, installando il plug-in potrai tradurre non solo le pagine e gli articoli del tuo sito ma anche widget, sidebar, menu e tutto ciò che riguarda sia l’area utente che quella dell’amministratore. Contiene un’interfaccia per la traduzione del contenuto professionale e funzioni avanzate e specifiche per la gestione delle traduzioni. Una valida assistenza tecnica per i suoi utenti e strumenti SEO multilingua sono ulteriori validi motivi per optare per il plug-in WPML. I prezzi vanno da un abbonamento base a 29 $ l’anno fino ad un massimo di 179 $ per una la gestione di un numero di siti illimitato.

Indicato anche per chi gestisce siti di e-commerce e consigliato anche per chi non vanta particolari capacità tecniche di programmazione.

2. Polylang


Un altro plug-in che ti consigliamo per il tuo sito multilingue è Polylang, compatibile con la maggior parte dei temi WordPress. A differenza di WPML Polylang è un plug-in gratuito. Se necessiti di assistenza tecnica dovrai invece accedere alla versione a pagamento Polylang PRO, partendo da un prezzo base di 99 Euro fino a un massimo di 495 Euro.

Una volta installato il plug-in nella sezione “lingue” dovrai selezionare le lingue che utilizzerai nel tuo sito. Attraverso Polylang i visitatori del tuo sito potranno scegliere mediante widget o menu la lingua di navigazione. Questo plug-in non è consigliato per chi gestisce un sito di e-commerce, a differenza di WPML. Oltre ad essere gratuito e consumare poche risorse, Polylang non è un plug-in di difficile installazione. Inoltre sono disponibili plug-in complementari per aumentarne la funzionalità, come Lingotek Translation.

3. qTranslate

Un altro plug-in particolarmente diffuso nel mondo WordPress, gratuito e simile a Polylang, è qTranslate. Lo segnaliamo anche se il suo ultimo aggiornamento risale a più di quatto anni fa. Con questo plug-in non viene creata una nuova pagina per la traduzione ma verranno aggiunti nuovi campi per le traduzioni nello stesso contenuto.

Una volta installato qTranslate dovrai decidere la “lingua madre” del tuo sito e le lingue in cui verranno tradotti i tuoi contenuti web.

Accedendo all’interno dell’area Editor, selezionando su ogni singola bandiera da te scelta per la traduzione, dovrai trascrivere manualmente quel specifico contenuto. Come per Polylang, qTranslate rileva la provenienza dell’utente.

4. Google Language Translator

Se non sei sicuro delle opzioni presentate, o semplicemente il tuo sito ha più le sembianze di un blog non professionale, puoi provare la traduzione automatica con il plug-in Google Language Translator, facile da usare e assolutamente gratuito. Unica raccomandazione, non farci eccessivo affidamento in quanto non sempre la traduzione letterale coincide con il vero significato del contenuto tradotto.